GIUSEPPE LO BIANCO IN RICORDO DI MARIO FRANCESE

Giuseppe Lo Bianco

L’ho scritto 11 anni fa, lo ripropongo oggi nel ricordo di un giornalista, senza maiuscole e senza aggettivi.

Lo hanno ucciso sotto casa una sera di gennaio, tornava dal Giornale di Sicilia, dieci minuti prima aveva salutato i colleghi nello stesso, identico, modo di ogni sera: “uomini del Colorado, vi saluto e me ne vado”. Al Diario, il quotidiano dove lavoravo, arrivò la segnalazione di un omicidio, in viale Campania. A prenderla fu, paradossi della sorte, suo figlio Giulio, ‘’biondino’’ come me, che si precipitò sul luogo del delitto senza sapere di andare incontro a suo padre, coperto per terra da un lenzuolo bianco. Lo fermò Boris Giuliano, capo della Mobile di allora, che abbracciandolo lo trascinò lontano. E Giulio capì, immediatamente, senza bisogno di parole. I miei ricordi si fermano qui, con l’aggiunta di un flashback personale: ho conosciuto Mario Francese ma solo per un attimo. Lo incontrai sul portone del Giornale di Sicilia, ricordo il suo impermeabile chiaro, la sua espressione assorta; parlò brevemente con mio padre, si conoscevano, poi si salutarono. Quando sentii di nuovo parlare di lui fu per scoprire a 20 anni, all’inizio del mio cammino professionale, che la violenza vissuta da ragazzo sui marciapiedi del mio quartiere si era trasferita nella mia vita da adulto, di aspirante giornalista. Solo che il rischio, adesso, non era più fare a botte con i più prepotenti, ma un proiettile di 38 in faccia. Mario non lo conoscevo e i miei ricordi sono un impasto di articoli, anche suoi, letti dopo, di racconti dei colleghi con cui aveva lavorato, di colloqui con investigatori e magistrati, di ipotesi lanciate nelle serate interminabili di chiacchiere e vino tra cronisti per trovare una risposta ai grandi misteri di mafia di questa città. E la morte di Mario, il 26 gennaio 1979, era uno di questi. Fino a quando i pentiti che all’inizio non avevano voluto parlare e una sentenza della Cassazione hanno alzato il velo anche su questo delitto ‘eccellente’, scoprendo il volto sanguinario dei corleonesi: Leoluca Bagarella, il killer che sparò quella sera in viale Campania, Riina, Raffaele Ganci, Francesco Madonia, Michele Greco i componenti della commissione mafiosa che ordinarono il delitto. Perché, è scritto nella sentenza, Mario possedeva “una straordinaria capacità di operare collegamenti tra i fatti di cronaca più significativi, di interpretarli con coraggiosa intelligenza, e di tracciare così una ricostruzione di eccezionale chiarezza e credibilità sulle linee evolutive di Cosa nostra, in una fase storica in cui oltre a emergere le penetranti e diffuse infiltrazioni mafiose nel mondo degli appalti e dell’economia, iniziava a delinearsi la strategia di attacco di Cosa Nostra alle istituzioni”. Era il 1979, l’inizio dell’assalto corleonese al vertice di Cosa Nostra governato da Stefano Bontade e Tano Badalamenti, un capitolo ancora tutto da scrivere, come tanti altri, della storia di Cosa Nostra. I soldi dell’eroina facevano gola ai “viddani” guidati dal ‘capo dei capi’, una banda feroce e agguerrita che aveva cominciato a sbarazzarsi dei nemici in divisa, in toga e in politica senza chiedere troppi permessi. Una banda che poteva fare a meno dei rapporti dei palermitani con la politica, forse perché ne aveva stretto altri altrettanto, se non di più, solidi. Con i servizi, deviati o meno, di questo Paese. Ma questa è un’altra storia. Era già morto il colonnello dei carabinieri Giuseppe Russo, e, dopo Francese, lo avrebbero seguito, il segretario provinciale della Dc Michele Reina, il capo della Mobile Boris Giuliano, il giudice Cesare Terranova, il presidente della Regione Piersanti Mattarella. Un assalto alle istituzioni senza precedenti che aveva trasformato Cosa Nostra da democratico gestore della cosa pubblica in Sicilia, alla pari di altre istituzioni, in un pericolosissimo antagonista. Fino alla fine della storia corleonese, giunta al capolinea con le stragi del ’92 in Sicilia e del ’93 a Roma, Firenze e Milano. Di quei ‘peri incritati’, scesi dalle montagne per arrivare sulla collinetta di Capaci Mario è stato il primo a capire, in diretta, la ferocia e la sete di potere, la scalata e le alleanze, gli affari e la mutazione genetica generata in Cosa Nostra e proprio per questo i giudici dicono in modo netto che «con la sua morte si apre la stagione dei delitti eccellenti». Perché proprio lui? Le sentenze lo spiegano bene, rendendo onore al suo mestiere ed alle sue intuizioni: in quegli anni ‘’Mario Francese era un protagonista, se non il principale protagonista, della cronaca giudiziaria e del giornalismo d’inchiesta siciliano. Nei suoi articoli spesso anticipava gli inquirenti nell’individuare nuove piste investigative». E rappresentava “un pericolo per la mafia emergente, proprio perché capace di svelarne il suo programma criminale, in un tempo ben lontano da quello in cui è stato successivamente possibile, grazie ai collaboratori di giustizia, conoscere la struttura e le regole di Cosa Nostra”. Era nato a Siracusa il 6 febbraio del 1925 e la sua biografia professionale racconta la storia di una passione per il giornalismo, quello che ti consuma la suola delle scarpe, che ti spinge dentro i fatti, che ti mette a tu per tu con i protagonisti delle storie più nere della cronaca, i buoni e i cattivi, con un unico obiettivo: raccontare i fatti. Aveva cominciato all’ANSA negli anni Cinquanta come telescriventista, entrando a contatto con la notizia, un amore che non abbandonerà più. Collabora con La Sicilia e, come tutti i precari, cerca una sistemazione migliore, che arriva il primo gennaio 1957, quando entra alla Regione come «cottimista». La sua naturale destinazione, però, è l’ufficio stampa, del quale viene nominato capo all’assessorato ai Lavori pubblici. E dall’ottobre 1958 l’assunzione alla Regione diventa definitiva. Ma la sistemazione economica non fa velo alla sua passione professionale: e quando il Giornale di Sicilia gli offre un posto di cronista giudiziario non ci pensa due volte a lasciare la Regione per abbracciare finalmente il suo mestiere. Poco prima, era stata una sua inchiesta a consentire la riapertura delle indagini, sei anni dopo il delitto, per la morte di un altro cronista, Cosimo Cristina, il cui corpo venne trovato dilaniato lungo i binari della ferrovia vicino a Termini Imerese, in provincia di Palermo. Di Mario si è detto e scritto molto: della sua generosità estrema, della sua abnegazione, degli orari di lavoro che non esistevano, del suo amore per la famiglia, della sua ‘’incoscienza’’ professionale, che lo portava in anni terribili e pericolosi anche ad esporsi personalmente inaugurando una stagione di giornalismo investigativo in una terra in cui il confine tra il giornalista e lo sbirro era inesistente, dalla scrivania di un giornale che per struttura e linea editoriale era lontano anni luce dalle sue denunce. ‘’Di Mario ricordo perfettamente la sua schiena dritta – racconta Aurelio Bruno, 85 anni, decano dei cronisti palermitani, una vita nel palazzo di giustizia di Palermo – dopo la strage di via Lazio lo invitarono ad una riunione con ‘amici degli amici’ per offrirgli un appartamento in cambio del suo atteggiamento accomodante. Gli chiesero persino di storpiare sul giornale i nomi degli imputati. Lui rifiutò. Dalla strage di Ciaculli all’omicidio del colonnello Russo, alle faide mafiose per riequilibrare gli assetti interni, ai grandi affari di Cosa Nostra, si occupò di tutte le vicende giudiziarie cercando sempre una «lettura» diversa e più approfondita del fenomeno mafia. Fu l’unico giornalista a intervistare la moglie di Totò Riina, Ninetta Bagarella. Il primo a capire, scavando negli intrighi della costruzione della diga Garcia, l’evoluzione strategica e i nuovi interessi della mafia corleonese. Fu un cronista moderno e, per quei tempi, unico: non a caso passava il suo tempo, ricorda Aurelio Bruno, nella cancelleria della sezione commerciale del Tribunale, dove ricostruiva alleanze e accordi societari tra gli stessi nomi che ricorrevano nelle aule della giustizia penale. Dava fastidio, era scomodo, e per questo, probabilmente, è stato ucciso. Ma dava fastidio anche la sua felicissima intuizione, quella che aveva anticipato anni di indagini condotte anche con l’aiuto dei pentiti: fu l’unico, infatti, a parlare della frattura nella «commissione mafiosa» tra liggiani e «guanti di velluto», l’ala moderata. Una frattura che avrebbe aperto la strada alla guerra di mafia degli anni ’80, all’ascesa dei corleonesi, alla stagione delle stragi. Non a caso il suo omicidio fu il primo di quella strategia eversiva: “una strategia eversiva che aveva fatto – si legge nelle motivazioni della sentenza – un salto di qualità proprio con l’eliminazione di una delle menti più lucide del giornalismo siciliano, di un professionista estraneo a qualsiasi condizionamento, privo di ogni compiacenza verso i gruppi di potere collusi con la mafia e capace di fornire all’opinione pubblica importanti strumenti di analisi dei mutamenti in atto all’interno di Cosa Nostra”. Quando si capiranno meglio le vicende di quegli anni, nel periodo cruciale attorno al 1979, si capirà la ragione specifica della morte di Francese (ogni delitto di mafia ha una sua causa scatenante), cronista con la schiena dritta assassinato per avere sempre fatto il proprio dovere scrivendo tutto quello che aveva saputo.

Pubblicato in Anpi notizie, ANTIFASCISMO, EVENTI, Lotte contadine, memoria, Movimento Fasci Lavoratori Siciliani, Resistenza, segnalazioni iniziative | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su GIUSEPPE LO BIANCO IN RICORDO DI MARIO FRANCESE

GIORNATE DELLA MEMORIA

PHOTO-2019-01-23-15-44-49Castelbuono

S.Cataldo

PHOTO-2019-01-23-15-16-21

Pubblicato in Anpi notizie, ANTIFASCISMO, EVENTI, Lotte contadine, memoria, Movimento Fasci Lavoratori Siciliani, Resistenza, segnalazioni iniziative, Senza categoria | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su GIORNATE DELLA MEMORIA

Saverio Lodato: La trattativa Stato-mafia e i cattivi maestri

lodato saverio cprof 0 c paolo bassanidi Saverio Lodato da antimafia 2000 29 dicembre 2018
I palermitani ricorderanno a lungo la serata del Biondo. C’erano Giuseppe Lombardo, procuratore aggiunto di Reggio Calabria, e Carlo Smuraglia, presidente emerito dell’Associazione Nazionale Partigiani Italiani; Armando Sorrentino, avvocato penalista, e Nino Di Matteo.
Occasione, la presentazione del libro “Il Patto Sporco”, dal quale sono stati tratti i brani letti dagli attori Carmelo Galati e Claudio Gioè; moderava la serata Giorgio Bongiovanni, direttore di ANTIMAFIADuemila.
Era da oltre un quarto di secolo, dalla diretta televisiva Maurizio Costanzo-Michele Santoro, che non si vedeva il Teatro Biondo stracolmo di gente, attenta e partecipe, per dibattere della Trattativa che alcuni carabinieri del Ros, in testa Mario Mori, condussero con Totò Riina e i suoi sodali. Serata di rottura, per Palermo.
Serata di testimonianza.
Serata destinata a segnare un inizio di consapevolezza per una nuova antimafia finalmente libera da troppi Convitati di Pietra che proprio dell’antimafia ne avevano fatto una bella greppia per alimentare i propri interessi.
In seicento, l’altra sera al Biondo, per dire che non credono più alla favoletta che Cosa Nostra decimò la migliore classe dirigente siciliana ricorrendo solo ai propri strumenti criminali.
In seicento, per stringersi attorno a una persona per bene, Nino Di Matteo, diventato suo malgrado, il simbolo parafulmine di un’inchiesta, quella sulla Trattativa Stato-Mafia, quasi vertiginosa per l’altezza dei livelli di potere che chiamava in causa, quanto, proprio per ciò, tremenda e inaccettabile per il Potere.
In seicento, diciamo anche questo, per proclamarselo da soli, Nino Di Matteo, quale Siciliano dell’anno. Visto e considerato che il quotidiano on line, Live Sicilia ha ritenuto bene di non includerlo nella rosa dei suoi magnifici 10 proposti ai suoi lettori. Ma, guarda caso: proprio nell’anno in cui aveva raggiunto l’esito positivo della sua immane fatica.
Quanto è accaduto il 18 dicembre al Teatro Biondo ci dice tantissime cose.
Ci dice, innanzitutto, che il muro di gomma, il silenzio d’ordinanza, la ostinata e plateale negazione dei fatti, attorno agli argomenti di cui sopra, appaiono ormai ai palermitani, che non fanno parte delle lobby di potere cittadine, nient’altro che striminzite foglie di fico.
Per nascondere che?
Per nascondere ciò che ormai hanno capito gli italiani, e non solo gli italiani di Palermo e gli italiani di Sicilia: che Sporco fu il Patto, e ancora più Sporco è voler pretendere, ancora oggi, di nasconderlo.
Hanno i loro bei grattacapi, in questo momento, i colleghi di tante redazioni. E in particolare quelli della Redazione di Repubblica Palermo, convinti come sono che “se Repubblica non lo scrive, il fatto non sussiste”. Tanto che nelle loro cronache, la serata del Biondo non l’hanno neanche menzionata, facendo cosi giganteggiare, al loro confronto, il Giornale di Sicilia che invece se ne è accorto e ne ha scritto. Come si usa fare nei giornali.
Cari colleghi di Repubblica, il fatto sussiste, eccome se sussiste.
il patto sporco integraleSforzatevi di aprire gli occhi. E il fatto è che a Palermo si sta diffondendo uno spirito di insofferenza verso i Cattivi Maestri.
Un Cattivo Maestro è Mario Mori, condannato in primo grado a 12 anni, che va a pontificare sulla legalità a giovani studenti, approfittando dell’invito di una Preside che è sorella di Giuseppe De Donno, carabiniere coimputato come lui, condannato ad anni otto. E che, a margine della sua “lectio”, rende noto che prende pillole per tenersi in vita perché “vuole vedere morire i suoi nemici”.
Perbacco. Ma è materia da editoriali per mettere in guardia i ragazzi, cari colleghi di Repubblica. Giusto? O siamo esagerati?
Cattivo Maestro, o Cattivo Professore, fa poca differenza, è Salvatore Lupo, lo storico che, negando l’esistenza del ruolo che ebbe la mafia nello sbarco degli americani, qualcuno vorrebbe far diventare il sottile negatore della Trattativa di oggi, perché lui, negando la Trattativa di ieri, e quella dell’altro ieri, è come se dicesse: “Lo dicono gli archivi che nel 1944 Lucky Luciano diede un aiutino agli americani? E io me ne fotto”.
Cattivo Maestro, o, anche in questo caso Cattivo Professore, è Giovanni Fiandaca.
Ma come?
Dopo aver definito il processo sulla Trattativa durante cinque anni di dibattimento una “boiata pazzesca”, ora che si possono leggere le 5 mila e più pagine del presidente Alfredo Montalto e del giudice a latere Stefania Brambille, se ne esce di scena fischiettando, con l’aria di uno che passava da lì per caso?
Chi scrive non è all’altezza di giudicare questa mastodontica sentenza, ma capisce però che il professore avrebbe almeno il dovere professionale di spiegare innanzitutto ai suoi allievi universitari se sulla “boiata pazzesca” la pensa ancora allo stesso modo o nel frattempo ha cambiato idea. O chiediamo troppo?
Nel caso del Fiandaca e del Lupo per “Cattivi Maestri” intendiamo professori troppo pigri e negligenti nell’insegnamento ai loro ragazzi…
Sono tanti, come si vede, gli argomenti caldi squadernati dalla serata del Biondo.
Potremmo continuare, ricordando la commissione antimafia siciliana, presieduta dall’onorevole Claudio Fava, che in appena due mesi, pretenderebbe di fornire la sua verità cotta e mangiata di quanto accadde in via d’Amelio, mentre da vent’anni si susseguono ancora i processi.
Potremmo continuare con le famiglie di centinaia e centinaia di vittime delle stragi e dei delitti di Palermo, che oggi potrebbero dare un grandissimo contributo ai cittadini, che di mafia non vogliono più sentir parlare, dicendo cosa pensano della Trattativa Stato-Mafia. E l’esempio potrebbe venire – perché no – proprio da Fiammetta Borsellino, le cui parole avrebbero un peso speciale per gli altri familiari dello sterminio perpetrato da Mafia e pezzi dello Stato di allora.
Ma per far questo occorrerebbe un’informazione attenta e scevra da condizionamenti che si accorgesse di quanto le accade intorno.
Antonio Gramsci, nei “Quaderni dal carcere”, sosteneva che il Redattore capo di un giornale dovrebbe avere della città la stessa conoscenza che ha della città un Prefetto di Polizia.
Quando esisteranno simili redattori capo anche a Palermo, non scompariranno più dai radar dell’informazione serate come quella del Biondo, e i palermitani compreranno più giornali.
Ecco perché, nelle more, il teatro Biondo era stracolmo.

Foto © Paolo Bassani

saverio.lodato@virgilio.it

La rubrica di Saverio Lodato

ARTICOLI CORRELATI

Saverio Lodato, i Morti ammazzati di Palermo e perché

Al Teatro Biondo di Palermo la presentazione del libro ”Il Patto Sporco” di Nino Di Matteo e Saverio Lodato

Saverio Lodato: vi spiego il Patto Sporco tra lo Stato e la Mafia

”Il Patto Sporco”, quel potere corrotto che ha tenuto in ostaggio il nostro Paese
di Salvatore Cusimano

Di Matteo su Mori: ”Mi colpisce il riferimento al fatto che non vuole che si parli della sentenza”

Il servizio del TGR Sicilia sulla presentazione del libro al minuto 15.30
(Andato in onda il 19 dicembre 2018 – Edizione delle 14:00)

Nino Di Matteo e Saverio Lodato presentano ”Il Patto Sporco” al TGR Sicilia
(Andato in onda il 18 dicembre 2018 – Edizione delle 14:00)

La faccia sporca dello Stato che vogliono fare scomparire
di Francesco Vitale

I miei figli hanno sempre vissuto con il padre sotto scorta
di Armando Sorrentino

”Il Patto Sporco” e la ricerca della verità sulle stragi
di Aaron Pettinari

”Il Patto Sporco”, il racconto proibito dell’Italia di oggi
di Silvia Resta

Il processo Trattativa e quel senso di ”omertà di Stato”
A Milano presentato “Il Patto Sporco”, il libro di Di Matteo e Lodato

Trattativa Stato-Mafia: la lettera di minaccia al Papa prima delle bombe del 1993
di Maria Antonietta Calabrò

”Il Patto Sporco” al Tg2
Il servizio di Lorenzo Santorelli

Di Matteo: ”In questo Paese una voglia insana di archiviare per sempre verità su stragi e trattativa”

La Trattativa Stato-mafia, intreccio mortale tra poteri forti, occulti e criminali – di Rossella Guadagnini

”I pericoli di una mafia che non spara” – di Dacia Maraini (Intervista)

Il Patto Sporco: ‘La Voce di New York’ intervista Saverio Lodato – di Joseph M. Benoit

”Il Patto Sporco” presentato a Quante Storie
Il magistrato Nino Di Matteo ospite di Corrado Augias

”Il Patto Sporco” nelle parole di Corrado Stajano

Un patto sporco tra mafia e Stato – di Lorenzo Baldo
Il libro di Saverio Lodato e Nino Di Matteo per conoscere la storia (censurata) d’Italia

Di Matteo: ”Berlusconi continuò a pagare Cosa nostra anche da Premier”
Il pm, intervistato da Borrometi per Tg2000, presenta il libro “Il patto sporco” – VIDEO

Le verità che molti volevano nascondere – di Paolo Borrometi

La trattativa Stato-mafia e un Paese senza memoria (e forse senza futuro). Parla Nino Di Matteo
di Paolo Borrometi

Pubblicato in Anpi notizie, ANTIFASCISMO, EVENTI, Lotte contadine, memoria, Movimento Fasci Lavoratori Siciliani, Resistenza | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su Saverio Lodato: La trattativa Stato-mafia e i cattivi maestri

Teatro Biondo “Il Patto sporco”

47183454_1946788375358006_6865510359436886016_nSerata indimenticabile questa al Teatro Biondo con gli autori de “Il Patto Sporco”. Libro che descrive  una delle cruciali più vergognose pagine della nostra Storia: la trattativa Stato mafia;                                                                                                                                   Intervento di Carlo Smuraglia. 48423198_10217622833993608_3982583823366881280_n

E’ importantissimo che, dopo mesi di preoccupante silenzio sulla sentenza relativa alla trattativa Stato-mafia nella quale si parla del più grave depistaggio nella storia della nostra Repubblica, la Palermo democratica e diverse delegazioni delle ANPI siciliane si siano  mobilititate per una partecipazione entusiasta contro la mafia e per la difesa della democrazia.

Pubblicato in Anpi notizie, ANTIFASCISMO, EVENTI, Lotte contadine, memoria, Movimento Fasci Lavoratori Siciliani, Resistenza | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su Teatro Biondo “Il Patto sporco”

ESSERE ANTIFASCISTI OGGI IN UROPA

ESSERE-ANTIFASCISTI-OGGI-IN-EUROPA

Pubblicato in Senza categoria | Commenti disabilitati su ESSERE ANTIFASCISTI OGGI IN UROPA

Cefalonia: “Perché chi ama la Patria è antifascista” di Giuseppe Carlo Marino

safe_image-1Una lezione innovativa e molto attuale dallo studio della strage nazista di Cefalonia del settembre ’43 e dei mancati processi ai responsabili. La Resistenza come indivisibile fenomeno nazionale grazie al contributo del Sud. Se ne è parlato a Palermo in un convegno promosso dall’Anpi e dalla Società di storia patria presentando il libro di Marco De Paolis, procuratore militare della Repubblica, e della storica Isabella Insolvibile

http://www.patriaindipendente.it/ultime-news/perche-chi-ama-la-patria-e-antifascista/?fbclid=IwAR0KntHEIwfJzXuG5jxzIoK9rekcfK0hOaZ4dh3CUHn7I47uxlTxmaFH_Lw

Pubblicato in ANTIFASCISMO, EVENTI, Lotte contadine, memoria, Movimento Fasci Lavoratori Siciliani, Resistenza, segnalazioni iniziative, Senza categoria | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Cefalonia: “Perché chi ama la Patria è antifascista” di Giuseppe Carlo Marino

L’UMANITA’ AL POTERE Tesseramento ANPI 2019

tessera_2019.jpg.742x742_q85 Manifesto_ANPI_17_e_18_NOVEMBRE.jpg.180x180_q85

Carissime/i il 17 e 18 novembre prossimi partecipiamo tutti alle giornate nazionali del tesseramento. L’appuntamento a Palermo è presso il circolo ARCI “Porco Rosso” di piazza casa Professa proprio di fronte alla chiesa. L’appuntamento è per i due giorni con orario dalle 10 alle 19 . Anche come gesto di solidarietà a Ilaria Cucchi, Mimmo Lucano sindaco di Riace ai quali verrà consegnata la tessera ad Honorem dell’ANPI dalla nostra Presidente Carla Nespolo, facciamo di questa giornata del tesseramento una occasione  per continuare a dare maggiore forza e sostegno  all’ANPI per il suo importante impegno in difesa di tutti i diritti umani  sanciti nella nostra costituzione.

ANPI Palermo Comandante Barbato

 

 

ps

in alegato il manifesto per la giornata nazionale del tesseramento opera del noto pittore e scultore Ugo Nespolo che ne ha fatto dono all’ANPI per il frontespizio della tessera 2019.

 

Pubblicato in Anpi notizie, ANTIFASCISMO, EVENTI, Lotte contadine, memoria, Movimento Fasci Lavoratori Siciliani, Resistenza, segnalazioni iniziative | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su L’UMANITA’ AL POTERE Tesseramento ANPI 2019

1938 accadde in Italia — 2018 accade in Italia

0-2Introdotta da Fausto Clemente una interessante  Conferenza dibattito promossa da un  popolare “Comitato 25 Aprile” per opporsi alla iniziativa del sindaco di Termini Imerese di intitolare una via a Giorgio Almirante. legato alla vergognosa pagina delle leggi razziali del fascismo del 1938.

Pubblicato in ANTIFASCISMO, EVENTI, Lotte contadine, memoria, Movimento Fasci Lavoratori Siciliani, Resistenza, segnalazioni iniziative, Senza categoria | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su 1938 accadde in Italia — 2018 accade in Italia

I ragazzi della Alberico Gentili ad un primo incontro con la Resistenza

 

Lunedì 22 ottobre incontro con i ragazzi della Alberico Gentili. Prima con i ragazzi delle quinte elementari e poi con quelli delle terze della Media accompagnati dalle rispettive insegnanti. Introdotto con belle parole sul valore fondamentale della Costituzione e  sul dovere della memoria dalla Preside e poi dalle insegnanti si è svolto un bellissimo serrato dialogo con attentissimi bravi ragazzi che come sempre ci hanno commosso per le interessanti domande e riflessioni su concetti fondamentali della nostra storia.  Mi sembra giusto ringraziarli pubblicamente loro e i loro insegnanti che  fin qui li hanno guidati. Nel corso dell’incontro è stato proiettata una parte del bellissimo documentario del Prof. La Mantia su i partigiani Calogero Bracco e Giovanni Ortoleva. Angelo Ficarra IMG_8633

Pubblicato in Anpi notizie, ANTIFASCISMO, EVENTI, Lotte contadine, memoria, Movimento Fasci Lavoratori Siciliani, Resistenza | Contrassegnato , , , , , , , | Commenti disabilitati su I ragazzi della Alberico Gentili ad un primo incontro con la Resistenza

TOTALE SOLIDARIETA’ A MIMMO LUCANO

RIACE, sabato 6 ottobre: l’Italia che resiste

 Riace 4

La grande manifestazione svoltasi a Riace nel pomeriggio di sabato 6 ottobre a sostegno del sindaco Mimmo Lucano è già stata raccontata dalle cronache informative nazionali.

Un paese di 2300 abitanti, nella Locride, in provincia di Reggio Calabria, divenuto famoso nel 1972 per il ritrovamento di sue statue di bronzo di epoca greca nello specchio di mare antistante.

Un paese spopolatosi nel corso di tanti decenni  a seguito del dramma sociale che da sempre ha caratterizzato il Meridione intero,  con particolare intensità nelle aree interne: l’emigrazione, per  povertà e vitale necessità di vita. A Riace molte case sono state abbandonate e definitivamente rimaste chiuse.

Poi, a partire da circa vent’anni addietro, l’inversione di rotta.

Il paese ha iniziato a ripopolarsi. Sono arrivati altri Esseri Umani….. da terre assai lontane.

Prima un nutrito gruppo di curdi…..arrivati dal mare. In seguito , il paese, a seguito delle iniziative  condotte dal tre volte sindaco Mimmo Lucano e dall’amministrazione comunale, ha operato un’intensa e faticosa azione di accoglienza, diventata simbolo di accoglienza e di fattiva solidarietà civile e sociale, in Italia e nell’intera Europa.

Molti profughi, migranti, costretti a fuggire dai loro paesi d’origine: Afghanistan, Ghana,  Pakistan, Somalia, Gambia, Eritrea, Etiopia, Tunisia, Marocco, Ghana, Egitto…, hanno trovato solidarietà, il benvenuto, abitazione ( tra le tante case abbandonate), opportunità di un lavoro tenacemente creato.

Ora, a seguito delle accuse giudiziarie che riguardano il sindaco…..si vuole negare il fondamentale diritto all’umanità, tutto rischia di crollare.

Sabato, in oltre cinquemila – molti i profughi-migranti -, sono venuti a Riace, con molti pullman e centinaia di autoveicoli. L’intera area territoriale del paese è rimasta gioiosamente ingombrata. Una festa  per i sentimenti di libertà e di unione contro i propugnatori dell’intolleranza. Una manifestazione di grande rilievo nazionale, di solidarietà attiva, di grande civismo, a supporto del sindaco Mimmo Lucano, delle iniziative messe in atto nel paese, per  sorreggere i valori dell’antirazzismo e i principi fondamentali del diritto d’asilo, in opposizione tutte le discriminazioni, declamate  dalla nostra Costituzione.

Dopo le grandi manifestazioni, antirazziste e antifasciste,  spontaneamente nate in parecchie città italiane dalla fine di agosto, a partire da Catania, a seguito dei fatti che hanno riguardato i profughi salvati dalla nave diciotto della Guardia costiera, questa di Riace è l’ultimo esempio, bello e importante, dell’Italia civile e democratica che resiste!

Tanti gli interventi dal palco approntato nell’accogliente ”auditorium” all’aperto attrezzato di gradinate  sito nell’area centrale del paese. L’intensa pioggia caduta per oltre settanta minuti sulle migliaia di persone convenute non ha fermato la manifestazione. Gli interventi, circa una ventina, in rappresentazione dell’articolato mondo istituzionale, sindacale, politico e civile partecipante, senza protezione  di ombrelli, non si sono mai interrotti. Tra gli altri, hanno dato un importante contributo diversi sindaci di paesi della Locride.

Alcune immagini della manifestazione parlano più delle parole

domenico stimolo

Pubblicato in Anpi notizie, ANTIFASCISMO, EVENTI, Lotte contadine, memoria, Movimento Fasci Lavoratori Siciliani, Resistenza | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su TOTALE SOLIDARIETA’ A MIMMO LUCANO