ISTITUTO PIAZZI 27 – 28 GENNAIO: GIORNATA DELLA MEMORIA

ante_posteristruttoria3tposter_istruttoria_1
MEMORIE DAI CAMPI DI DETENZIONE E DI STERMINIO

Ricordo nostro cugino Gioacchino, fatto morire di fame e di freddo in un campo di concentramento tedesco.

Con lui ricordo le centinaia di migliaia di IMI che, anche a prezzo della vita, scelsero con coraggio di non schierarsi col nazifascismo.

La memoria va ovviamente ai milioni di ebrei uccisi nei campi di sterminio, solo perché di cultura ebraica, e con loro alle molte centinaia di migliaia di zingari, omosessuali, socialisti, comunisti e semplici antifascisti, ai quali fu riservata la stessa sorte.

Ricordo quindi le sofferenze enormi che dovette subire nostro zio Giuseppe deportato in un campo di concentramento in Germania, perché comunista.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.